Gestire l’Insonnia da Depressione con la Valeriana
11 dicembre 2014
Migliorare il controllo della fame notturna con la valeriana in compresse
16 dicembre 2014

Insonnia da astinenza da nicotina, preferire la valeriana agli ansiolitici

smettere di fumare insonnia

L’insonnia da astinenza da nicotina che colpisce chi smette di fumare può essere causa di stati ansiogeni; l’utilizzo di compresse di valeriana per contrastare il disturbo è da preferirsi all’utilizzo di ansiolitici.

Insonnia da astinenza da nicotina

Il fumo può causare malattie, anche mortali; quando si pensa a questo spesso ci si scorda che, chi comincia a fumare, instaura un circolo vizioso che porta spesso a una lunga serie di problematiche, non legate necessariamente a tumori o ad altre malattie dell’apparato respiratorio. La nicotina è una sostanza psicotropa, che dà assuefazione: smettendo di fumare, per un tempo variabile da persona a persona, si manifesta una forte sindrome da astinenza da nicotina.

I sintomi della sindrome da astinenza da nicotina sono molti, e hanno caratteristiche molto variabili da persona a persona; ad esempio qualcuno perde temporaneamente l’appetito, mentre altri soggetti manifestano fame nervosa, legata alla carenza della sensazione tattile della sigaretta sulle labbra.

La gran parte delle persone che smettono di fumare manifestano l’insonnia da astinenza da nicotina, come sintomo diretto o indiretto.

La carenza di nicotina per una persona assuefatta a tale sostanza porta ad un generale stato di ansia, nervosismo, irritabilità, e fortissimo desiderio di effettuare i gesti correlati al fumo, come utilizzare un accendino, avere una sigaretta tra le mani e in bocca. Inoltre, i primi giorni senza fumo portano i polmoni ad un rapido miglioramento delle loro funzionalità, accompagnato da una abbondante secrezione di muco: il risultato è una fastidiosa tosse grassa, che accompagna il soggetto per alcuni giorni.

Chiaramente con i bronchi pieni di muco, uno stato generale di nervosismo e la presenza di stati d’ansia, manifestati da moltissimi ex fumatori, le difficoltà a prendere sonno sono molteplici e non facilmente risolvibili. L’insonnia da astinenza da nicotina è un disturbo invalidante, perché trascorrere molte ore per notte nel vano tentativo di prendere sonno, acuisce notevolmente gli stati di ansia e di irritabilità generalizzata.

Inoltre, la carenza di sonno si ripercuote sulle giornate successive, perché senza un periodo di sonno completo, anche breve, la persona tende a non riuscire a lavorare, concentrarsi, svolgere i normali e comuni compiti quotidiani. L’insonnia da carenza di nicotina è un problema fastidioso, che può divenire anche invalidante.

La gravità e la durata della sindrome da astinenza da nicotina sono caratteristiche legate solo parzialmente al numero di sigarette consumate quotidianamente dall’ex tabagista, perché i sintomi e le loro manifestazioni variano molto da persona a persona.

Un sonnifero naturale con doti ansiolitiche, la valeriana

Per combattere la carenza di sonno è necessario intervenire repentinamente, per evitare che questo sintomo dell’astinenza da nicotina vada a modificare lo stile di vita del soggetto e ad influire sulle sue abitudini quotidiane.

L’insonnia da astinenza da nicotina è una patologia strettamente legata al sistema nervoso del paziente, che subisce uno stress eccessivo a causa dell’ansia e l’irritabilità legati all’astinenza da una sostanza psicotropa. In alcuni casi l’assunzione di nicotina, tramite compresse o cerotti transdermici, si mostra un rimedio abbastanza valido per combattere i sintomi da astinenza da nicotina.

Ma la sindrome è legata alla carenza di sigarette: per molte persone il legame psicologico con la sigaretta è molto forte, e ciò che loro manca non è solo la nicotina. Molti ex fumatori lamentano il desiderio di tenere in mano una sigaretta, di appoggiarla alle labbra, di accenderla, addirittura di scuotere la cenere nel posacenere: tutti questi comportamenti, con il passare degli anni, divengono connaturati con la personalità di un soggetto. Nel momento in cui si smette di fumare, ciò che manca non è solo la nicotina, ma il rito completo del fumare.

Quindi solo reintroducendo nicotina in forma farmacologica, non è possibile risolvere alla radice lo stato nervoso patologico legato alla carenza di sigarette. Per poter migliorare lo stato del sistema nervoso di chi soffre da insonnia da astinenza da nicotina è necessario utilizzare sostanze che vadano a sedare il sistema nervoso. Negli ultimi anni un rimedio molto efficace è costituito dalle compresse di valeriana.

La valeriana officinalis è una pianta annuale, che in Italia possiamo trovare anche allo stato selvatico; nelle radici di questa pianta sono presenti degli oli valeriana per smettere di fumareessenziali che hanno un forte impatto sul sistema nervoso umano.

Tra i principi attivi presenti nella valeriana troviamo l’acido valerianico, e alcuni diterpeni che hanno manifestato la proprietà di contrastare il decadimento dei composti chimici che nel nostro corpo stimolano il sonno.

Inoltre questa preziosa pianta ha un forte potere sedativo del sistema nervoso generale, che permette di utilizzarla con successo in una serie di problematiche, compresa l’insonnia da astinenza da nicotina. Nonostante si tratti di un sedativo e di un calmante, le compresse di valeriana non danno effetti collaterali, quali la mancanza di concentrazione e la sonnolenza, e quindi oltre a venire assunte di sera, per favorire il normale ciclo del sonno, possono venire utilizzate anche durante il giorno.

In questo modo è possibile utilizzare un solo prodotto per contrastare l’insonnia da astinenza da nicotina, e gli altri sintomi della sindrome da astinenza da nicotina che si manifestano nei soggetti che smettono di fumare, come la mancanza di concentrazione, l’irritabilità, o anche l’ansia.

Le proprietà della valeriana sono note e conosciute da millenni, e infatti tale rimedio veniva utilizzato già nell’antichità nell’area mediterranea, come calmante, per favorire il sonno, per migliorare le persone affette da diversi stati d’ansia. Il vantaggio sta nel fatto che le compresse di valeriana sono molto efficaci, ma non comportano gli effetti collaterali indesiderati correlati all’utilizzo di sonniferi o di altri prodotti ansiolitici.